ULTIME News

 

 

 

 

WikiJus

 

Laborsatorio della Qualità Notarile

 

 

 

 

 

 

per accrescere  la capacità innovativa e la competitività sul mercato dell'impresa

 

Il contratto di rete è un istituto innovativo nel nostro sistema produttivo e rappresenta un modello di collaborazione tra imprese che consente, pur mantenendo la propria indipendenza, autonomia e specialità, di realizzare progetti ed obiettivi condivisi.

 

Il contratto di rete può offrire vantaggi, quali:

  • Gestire la concorrenza ed accrescere la competitività
  • Acquisire maggiore visibilità e maggiore possibilità di proporsi in mercati anche internazionali     
  • Partecipare a bandi e gare di appalto
  • Acquisire e sviluppare nuove competenze e nuovi prodotti
  • Ridurre costi e rischi operativi
  • Godere di possibili fondi, incentivi ed agevolazioni fiscali

 

 

Elemento essenziale è il "Programma comune di rete" sulla base del quale gli imprenditori si obbligano a collaborare ovvero a scambiarsi informazioni o prestazioni ovvero ad esercitare in comune una o più attività.

 

Il contratto può prevedere la creazione di un Fondo Comune, costituito dai contributi delle imprese partecipanti, e può prevedere un Organo Comune, che ha il compito di eseguire il programma.      

 

Nel nostro sistema giuridico - economico Il contratto di rete si aggiunge ad altre forme di collaborazione interaziendale già regolamentate (Consorzi, Associazioni Temporanee di Imprese, Joint venture, Franchising, etc,), non prevede la costituzione di nuove società e non determina alcuna operazione di fusione societaria. 

 

La Rete è  fenomeno in costante crescita, utilizzata in gran parte da piccole imprese, con un’elevata differenziazione produttiva e con finalità di innovazione, promozione e distribuzione, oltre che di maggiore efficienza produttiva.

 

La Rete nasce come strumento meramente contrattuale (Rete–Contratto), ma oggi le imprese possono anche scegliere di creare un autonomo soggetto giuridico (Rete–Soggetto)   

 

LA  “RETE-CONTRATTO”    Non nasce un nuovo soggetto giuridico, si individua una impresa di riferimento richiesta per l'iscrizione nel registro imprese e le attività poste in essere in esecuzione del programma comune producano i loro effetti direttamente nell'ambito delle singole imprese partecipanti.

 

LA “RETE-SOGGETTO”   La  Rete,  dotata di fondo patrimoniale comune ed iscritta in una apposita sezione del Registro Imprese, acquisisce una propria soggettività giuridica.

 

 

Il Notaio può prestare ogni servizio e consulenza utile alle imprese ed agli enti interessati: 

  • per scegliere il contratto più idoneo alle esigenze delle singole imprese
  • per verificare i requisiti per fruire di determinati fondi e/o agevolazioni
  • per regolamentare diritti ed obblighi delle imprese, stabilire le regole per l’assunzione delle decisioni, disciplinare l’organo comune, stabilire le modalità di adesione di altre imprese,  etc 
  • per stipulare il contratto nella forma richiesta dalla legge (anche digitale), adempiere alle formalità di registrazione presso l'Agenzia delle Entrate e di iscrizione nel Registro Imprese 
 

Normativa
  • D.L. n. 5/09 (convertito con legge 33/09 e modificato con legge 99/2009)
  • D.L. n. 78/2010 (convertito in legge 122/2010)
  • D.L. 83/2012 (convertito il legge 134/2012)
  • D.L. 179/2012 (convertito in legge 221/2012)
  • Circolare n. 3668/C  del 27.02.2014 del Ministero Sviluppo economico 
  • Circolare Agenzia delle Entrate n. 20/E del 18.06.2013

 

 

Link utili

 

 

per informazioni o appuntamenti segreteria@3notai.it